Avatar

Autore: Giuseppe Molino

Vedi tutti gli articoli scritti da Giuseppe Molino

In questo articolo ti spiego come fare filtri Instagram per rendere più accattivanti le tue Stories. La funzionalità di Instagram che ti permette di creare foto o brevi video, che rimangono on line solo 24 ore, i filtri stanno spopolando. Abbiamo già visto come realizzare instagram stories memorabili, oggi invece ti parlerò di come fare filtri su Instagram, in modo da essere sempre originale e al passo con le tendenze del momento, per catturare l’attenzione di potenziali follower/clienti.

Cosa sono i filtri Instagram?

Prima di capire come fare filtri su Instagram, facciamo un passo indietro.

I filtri di Instagram sono delle creazioni digitali che si sovrappongono alla foto o al video che si sta per pubblicare nelle stories. Questi filtri vengono creati in AR (acronimo di Augmented Reality), cioè in realtà aumentata. Una tecnologia con grandi margini di sviluppo e aree di applicazione che permette di vedere alterazioni sul display, quindi una versione “aumentata” della realtà effettiva.

Esistono moltissimi filtri che permettono di rendere più coinvolgenti le stories. Da quelli spiritosi che modificano aspetti del viso, quali naso, occhi, orecchie, a quelle che aggiungono accessori come baffi, cappello e occhiali. Ve ne sono altri che sono più ludici: quelli che predicono il futuro o che ti associano ad un personaggio Disney o di Star Wars. Senza scordare la moda delle challenge, le sfide che partono tra instagramer o follower su chi usa meglio o in maniera più originale un filtro.

La cosa che rende tutto davvero interessante è che i filtri Instagram si possono salvare, cercare per parole chiave e, da poco, anche creare e caricare sulla piattaforma. Questo rende inesauribile il format stories, lo attualizza permettendo di creare filtri per cavalcare gli argomenti del momento ma, soprattutto, rende gli utenti ancora più liberi di creare.

Come scegliere i filtri di Instagram

I filtri su Instagram si trovano all’interno del layout per creare le stories. In pratica, da qualsiasi account, facendo tap sull’icona di Instagram accanto alla scritta in alto a destra, si aprirà il creator per fare dirette, stories o reel. In tutte e tre le modalità proposte è possibile aggiungere filtri che vedete alla sinistra del pulsante centrale che dà il via alla registrazione video.

 

come fare filtri instagram 2

Basterà scorrere per scegliere i filtri Instagram preferito per usarlo nel video. Come detto prima, oltre a utilizzarlo, facendo tap sul nome dell’effetto potete decidere di salvarlo, condividerlo con altri contatti IG, visualizzare altri effetti creati dallo stesso Instagramer, o cercarne altri per keyword specifiche.

come fare filtri instagram 1

C’è tutto un mondo di filtri Instagram da scoprire ed utilizzare per rendere accattivanti e coinvolgenti le stories del vostro profilo aziendale o privato. Guardate questo (focalizzati sull’effetto non sul soggetto). Puoi usarli per divertirti, ma anche per promuovere un prodotto, o un servizio. A te la scelta!

Come fare filtri Instagram con Spark AR Studio

Una volta compreso come scegliere, salvare e condividere filtri Instagram, andiamo al clou di questo articolo e vediamo come fare filtri Instagram. 

Per farlo hai bisogno di Spark AR Studio. Un programma di grafica animata e grafica digitale, sviluppato da Facebook, per Windows e MacOs, non si può usare su smartphone, ma esiste l’app che ti permette di testare le tue creazioni.

screenshot

Una volta scaricato e installato si può procedere alla vera e propria creazione di filtri Instagram. L’interfaccia può apparire ostica all’apparenza ma con un po’ di impegno si possono creare filtri molto belli. Hai a disposizione due possibilità: partire da modelli pre impostati (Samples) o creare da zero un filtro (Create a project).

Ecco alcuni consigli pratici per imparare a utilizzare Spark AR Sudio e fare filtri Instagram:

  • Guarda dei tutorials su Youtube, in inglese ed italiano, specialmente se non hai mai avuto a che fare con programmi di creazione come grafica
  • Unisciti alla community di Spark AR Studio, in modo da trovare risposte ai vostri dubbi e farsi aiutare dai più esperti
  • Visiona i progetti campione già presenti su Spark AR Studio 

Le funzioni principali di Spark AR Studio

Una volta averci fatto la mano, guardato un po’ di tutorials potete andare alla sezione “Crea nuovo progetto”. Il modo migliore per imparare software di questo genere è provare e riprovare. Per aiutarvi ecco alcune delle funzionalità principali di Spark AR Studio:

  • Simulatore, scegliendo il modello del tuo telefono, questo strumento ti permette di vedere quali sono gli effetti e i movimenti del tuo filtro e quale sarà la resa finale del filtro.
  • Viewport, la parte centrale in cui si crea il filtro instagram. Da qui controlliamo l’effetto che stiamo creando. In alto vi sono dei manipolatori in grado di cambiare asse, posizione e dimensione dell’oggetto.
  • Pannello di scena, in alto a sinistra, permette di aggiungere o creare oggetti nel tuo filtro.
  • Pannello delle attività, in basso a sinistra, permette di importare file esterni come suoni o texture o immagini.

come fare filtri instagram 5

Esportazione ed indicizzazione del filtro

Una volta creato il filtro Instagram devi esportarlo (tasto in basso a destra), inoltre prima di pubblicarlo ci sono alcuni passaggi importanti che ti consiglio di fare per valorizzare il lavoro fatto fin qui:

  • Assicurati, prima di sottoporlo alla revisione di Facebook, che non violi le linee guida della sua community
  • Assicurati che il file generato in formato .arexport superi i 20 mb di peso, altrimenti non verrà approvato da Instagram.
  • Crea un titolo all’effetto, in modo che, una volta pubblicato può essere cercato
  • Indicizza il tuo filtro, scegliendo una categoria con delle parole chiave
  • Aggiungi il link al filtro, in modo che potrà essere utilizzato e salvato da altri
  • Scegli un logo che identifichi il tuo filtro
  • Fai un video di 15 secondi che mostri la funzionalità e l’autenticità del filtro

Una volta finito tutto questo, vai su Spark AR Hub, in alto a destra, e clicca su Upload Effect per mandare il filtro in revisione. In circa 48 ore avrai la risposta e potrai usare il link che Facebook genera per ogni filtro approvato e provarlo subito in una tua stories.

Se il tuo filtro sarà apprezzato e scaricato, avrai la possibilità di monitorarlo dagli Insight di Spark AR Hub.

Dove trovare filtri Instagram

Se, invece, reputi che creare filtri Instagram non faccia per te e reputi il software di Spark AR Studio troppo complicato, non c’è problema. Esistono in rete dei modi per creare filtri personalizzati e riconoscibili per il tuo marchio.

La creazione di filtri Instagram, infatti, ha dato vita ad un vero e proprio mercato di effetti e filtri. Molti designer e influencer, infatti, si sono cimentati in questa pratica e, avendo molto seguito, hanno ricevuto parecchi apprezzamenti.

Cercando per il web creatori di filtri AR, si trovano dei professionisti o aziende specializzate in questa particolare, ma richiestissima pratica. Un sito interessante è Len List, sito web di filtri per foto e video per Instagram e Facebook.

Un altro interessante sito è VSCO, che offre la possibilità di scegliere tra centinaia di filtri fotografici, utili anche sulle tue stories.Inoltre, se ci imbattiamo su un filtro Instagram che ci ha, particolarmente, colpito possiamo facilmente risalire al creator ed, eventualmente, contattarlo per commissionargli qualcosa di simile. E’ un mercato totalmente nuovo che sta, letteralmente, impazzando su Instagram.

Filtri instagram: come usarli per il mio business?

La realtà aumentata è, sicuramente, il futuro anche per quanto riguarda i social network. I campi di applicazione e le declinazioni possono essere molteplici.
Piccole e medie imprese, che si stanno affacciando adesso al mondo di Instagram, potrebbero sfruttare al meglio la creazione di filtri Instagram, con sondaggi, giochi interattivi e quant’altro.

 

Ecco 3 consigli utili per capire come usare i filtri Instagram per fare business:

 

  • Dai importanza al tuo pubblico: Anche se spesso si da per scontato, nel creare contenuti coinvolgenti sui social, ricordiamoci che devono intrattenere o coinvolgere un pubblico ben definito che costituisce il target della nostra clientela. Bisogna, quindi, avere ben chiaro quale sia il target a cui ci rivolgiamo e creare contenuti che li possano attrarre.
  • Dai importanza al tuo brand: Per quanto riguarda i filtri, crearne di personalizzati e identificabili con un prodotto o un marchio ben preciso è lo step che molte grandi aziende stanno facendo in questo periodo. La riproduzione del logo o un rimando meno diretto alla tua azienda possono essere due buone soluzioni per coinvolgere gli utenti.
  • Sfrutta il dinamismo: Bisogna fare in modo che i filtri da utilizzare siano il più originali e dinamici possibile, dando anche modo di scegliere tra più versioni o colori. La versatilità della realtà aumentata non pone quasi confini alla creatività.

Instagram Trend: esserci non basta

Instagram è in questo momento, assieme a Tik Tok, il social del momento. Dopo i primi anni di assestamento è diventato un social di riferimento, rendendo foto e stories il veicolo preferito di influencer, follower e aziende. Inutile sottolineare come essere presenti su Instagram sia, assolutamente, fondamentale se vuoi farti conoscere da una fetta importante di pubblico.

Secondo il Global Digital Report 2020, Instagram ha superato il miliardo di utenti attivi nel mondo. La sua ascesa non sembra arrestarsi: a luglio 2020 è stato rilasciato un aggiornamento che ha integrato Reels, un format video molto simile a Tik Tok, che permette di girare e montare veri e propri micro-video della durata massima di 60 secondi. Sempre molto attento a ciò che succede intorno, Instagram ha così fatto la sua mossa per arginare l’ascesa del social network cinese.

A questo proposito, già dal 2019, per aumentare il grado di coinvolgimento dei suoi utilizzatori, Instagram ha rilasciato un aggiornamento che dà la possibilità di creare filtri personalizzati da applicare a foto e stories, utilizzando la realtà aumentata (AR). Come fare filtri su Instagram, da quel momento, è diventata una moda che ha coinvolto praticamente tutti.

Oltre al numero di utenti che possiede, la vitalità delle grandi aziende e il fermento di molti mercati, si misura proprio lì. Esserci, però non basta.

Devi essere protagonista e coinvolgere i tuoi follower, divertendoli e divertendoti a creare filtri e nuove stories. I contenuti originali e coinvolgenti sono un tramite potentissimo per trasportare il tuo messaggio di business, pertanto, Instagram è un treno che non puoi farti scappare.

Cosa ne pensi? Raccontaci la tua esperienza su Instagram.

Avatar

Autore: Giuseppe Molino

Vedi tutti gli articoli scritti da Giuseppe Molino
0

Lascia il tuo commento

Lascia qua la tua recensione.
Dicci cosa ne pensi dell’articolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *