Hai una struttura ricettiva e vuoi promuoverla sul web? Non basta semplicemente scrivere quante camere hai, i servizi che offri e mettere una foto della tua bellissima piscina.

Oggi serve qualcosa di più, i clienti vogliono una vera e propria esperienza. Come fare?

Inizia scrivendo dei testi adeguati nel tuo sito. In questo articolo ti spiego come fare content marketing per la tua struttura ricettiva.

Innanzitutto, cosa significa fare content marketing per il turismo?

content marketing turistico

Fare content marketing significa creare contenuti unici e utili per promuovere la tua attività ricettiva, destinandoli poi ai diversi canali di comunicazione (blog, sito, social, ecc.).

Per fare questo ti introduco il concetto di storytelling, che significa promuovere il tuo brand raccontando una storia, descrivendo un’esperienza, andando quindi oltre la mera descrizione del prodotto/servizio.

E il turismo è sicuramente uno di quei settori che meglio si presta a mettere in atto una strategia del racconto.

Come creare una strategia di content marketing efficace

content marketing turistico

Se vuoi che la tua strategia di content marketing funzioni, allora devi prima di tutto seguire i 3 passi che sto per elencarti:

1. Individua il tuo target di utenti, ossia il pubblico al quale vuoi rivolgere le tue comunicazioni e i tuoi messaggi.
2. Focalizza i tuoi punti di forza, le cose per le quali sei imbattibile e che meglio caratterizzano la tua struttura ricettiva o la tua offerta turistica. Attorno a questi punti di forza ruoterà gran parte dei tuoi messaggi.
3. Decidi il tipo di linguaggio e lo stile da adottare nelle tue comunicazioni e quali canali/strumenti sfruttare per far sì che i tuoi messaggi raggiungano il tuo target preferito.

Quali strumenti bisogna utilizzare?

I principali canali attraverso i quali mettere in atto una corretta strategia di content marketing per il turismo sono:

1. Il sito

content marketing

Il primo è sicuramente il sito web, la vetrina che ormai non puoi non avere. Sul sito devi dare il meglio di te stesso: devi fornire un’informazione quanto più possibile chiara e completa della tua offerta.

I testi, oltre a essere aggiornati e informativi, devono risultare convincenti e le foto accattivanti. Tramite il sito devi catturare l’attenzione del viaggiatore, tuo potenziale cliente, e convincerlo che fare le vacanze nel tuo territorio, o nel tuo hotel, sarà un’esperienza indimenticabile.

2. Il blog

content marketing

Poi c’è il blog. Lo strumento che, oltre a essere informativo, deve fare buon uso di toni evocativi ed emozionali.

Sul blog puoi parlare di te, dei tuoi servizi e delle tue novità in maniera meno istituzionale rispetto al sito web. E poi puoi anche spaziare ad argomenti di contorno: il tuo territorio è entrato nella top 5 dei luoghi da visitare? Bene, annuncialo. In città si terrà presto uno degli eventi più importanti della regione? Scrivine.

Darai al turista un motivo in più per venire in vacanza da te. Nel piano editoriale puoi ogni tanto inserire i contributi di blogger e autori esterni che diano valore aggiunto.

3. Social Media Marketing

content marketing

Facebook e Instagram in primis sono strumenti fondamentali per chiunque stia progettando una strategia di content marketing per il turismo. Anche in questo caso è importante cosa racconti e il modo in cui lo racconti.

Ma, allo stesso modo, è fondamentale il modo in cui entri in contatto con il tuo pubblico. Se sul sito e sul blog hai sempre parlato da solo, sui social invece sono fondamentali il dialogo, l’interazione ed il coinvolgimento.

È chiaro che il rapporto con i fan non va improvvisato ma gestito in maniera professionale e consapevole da un Community Manager esperto, altrimenti potrebbe andarne della tua reputazione.

Crea il tuo sito web per b&b

Stai per aprire il tuo b&b e vuoi farti conoscere in rete? Vuoi dare nuova vita all’attività familiare che gestisci da tutta una vita?

Rimboccati le maniche, abbiamo la soluzione per te!

È ora di attivarsi per costruire la tua presenza online. Una pagina Facebook non basta, hai bisogno di un sito web

Con One Minute Site puoi creare un sito web tutto tuo per promuovere il b&b, casa vacanze o il tuo hotel. Basta poco e sei online con un sito professionale, curato ed efficace.

Molti altri albergatori hanno scelto One Minute Site, prova anche tu!

 

4. La newsletter

content marketing

Infine, un altro strumento importante per gli operatori del turismo è la newsletter: questa può rappresentare un modo creativo, non invadente (se inviata con una periodicità ragionata) e interessante per sussurrare un “ricordati di me” all’orecchio dei tuoi iscritti.

Cosa raccontare?

content marketing

Il tuo hotel o la tua destinazione devono essere i protagonisti indiscussi dei tuoi contenuti. Ma, come accennato prima, questi non devono limitarsi a illustrare solo i servizi che offri ai viaggiatori o la ricchezza della tua offerta turistica, ma devono raccontare storie ed esperienze.

Inoltre, i contenuti non devono essere solo autoreferenziali: un hotel, ad esempio, deve saper raccontare anche il suo territorio circostante, le tradizioni e le tipicità che lo contraddistinguono, gli eventi che lo riguardano, ecc.

In questo modo, l’hotel farà storytelling di se stesso e del suo territorio e si collocherà in un contesto interessante e appetibile per il viaggiatore che sarà più invogliato a prenotare le sue vacanze.

Come produrre testi accattivanti

content marketing

Come ti ho accennato prima, scrivere testi e contenuti che siano utili ma anche accattivanti non è per niente facile. Per questo motivo, se vuoi che i testi del tuo sito facciano la differenza devi assolutamente:

  • Dare importanza al titolo

Sembrano essere molto efficaci le formule che presuppongono un elenco di consigli o indicazioni all’interno, come “le 5 cose che dovresti sapere prima di visitare Gallipoli” oppure “6 motivi per i quali dovresti scegliere il Molise per le tue vacanze” e così via. Senza dimenticare le parole “risparmio” e “convenienza”, molto amate dai lettori, soprattutto di questi tempi.

  • Essere originale

Devi aggiungere al testo quel particolare in più, quella chiave di lettura originale che sia in grado di lasciare il segno.

  • Essere un “poeta informatore”

Si, hai capito bene. La poesia ti servirà per coinvolgere il lettore trascinandolo piacevolmente nell’atmosfera dei luoghi che non conosce, ma allo stesso tempo dovrai anche corredare il testo di informazioni pratiche.

Link, numeri di telefono, indirizzi email, orari di apertura e chiusura della tua struttura e così via.

  • Inserire le esperienze dei tuoi clienti 

La carta vincente per quanto riguarda la persuasione nei testi turistici, sta soprattutto nel poter parlare di esperienze personali. Queste infatti, di fronte agli occhi del lettore, hanno un valore certamente superiore perché basate su esperienze dirette.

Utilizza le esperienze di chi è già stato ospite nella tua struttura, prendendo spunto da una conversazione avuta con uno o più dei tuoi ospiti, dalle recensioni che ti hanno scritto o dai commenti fatti sulla tua pagina Facebook.

Inoltre, potresti “corredare” l’articolo che stai scrivendo con alcuni contenuti originali come ad esempio le frasi più importanti dette o scritte dai tuoi ospiti, trasformate in blocchi di testo a forma di immagine.

  • Mettere in evidenza offerte e promozioni

Dai il via libera alle offerte e alle promozioni, che consentono di migliorare la visibilità del sito di riferimento soprattutto nel caso delle strutture ricettive.

In conclusione

Oggi la concorrenza anche nell’ambito turistico è veramente tanta, se vuoi emergere devi offrire qualcosa di diverso…un’esperienza appunto!

Per riuscire a descrivere al tuo potenziale di cliente l’esperienza che proponi devi ricorrere allo storytelling.

A questo punto, puoi scrivere anche dei testi accattivanti e interessanti, ma…devi avere uno spazio dove pubblicarli e promuoverli.

La soluzione è un sito web professionale! Con One Minute Site dovrai solo inserire i tuoi contenuti in una struttura già pronta e ottimizzata. Semplice e veloce!

 

 

 

 

0

Lascia il tuo commento

Lascia qua la tua recensione.
Dicci cosa ne pensi dell’articolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *