A livello mondiale l’e-commerce nel 2014 ha superato i 1500 miliardi di dollari, crescendo del 35% rispetto allo scorso anno ed il fattore chiave di tale crescita è proprio il mobile.

Secondo un’analisi di mercato, a cura di Casaleggio Associati, anche in Italia, la diffusione di smartphone e tablet ha amplificato l’accesso al mercato online e circa 29 milioni di clienti finali accedono a internet proprio da mobile. Gli utenti ricercano e acquistano i prodotti su internet sempre più frequentemente utilizzando siti come Amazon, ebay, e altri big player multi-prodotto. E’ facile, quindi, immaginare che per i retailer sia importante essere presenti su tali canali tanto quanto essere presenti sui principali motori di ricerca!

Ma il dato da non sottovalutare è il numero di utenti che accedono ad internet da mobile, confrontando ed acquistando prodotti. Questo è in continua e vertiginosa crescita e , per tutti gli entranti nel mondo digitale, è importante intercettare il traffico mobile e gestirlo con strumenti adeguati:

– avere un sito mobile responsivo, leggero e veloce;

– integrare servizi specifici per utenti mobile, come le App;

– integrare contenuti adatti ad utenti mobile;

– contenuti video ed immagini mobile-friendly.

Basta parole: guardiamo i numeri! Abbiamo tradotto liberamente un’infografica sull’eCommerce globale e le future tendenze!

e-commerce

Vi abbiamo incuriosito sulle strategie più adatte per ottimizzare i siti mobile? Continuate a seguirci e a breve pubblicheremo un articolo proprio su questo!

Intanto vi segnaliamo qualche spunto interessante:

E-commerce: vendi i tuoi prodotti on line con 1 Minute Site

E-Commerce e Sito Mobile: 1 Minute Site in linea con le nuove tendenze di mercato! 

2

    Recensioni (2)

  1. admin
    admin dice:

    Ciao Laura, è davvero utile l’infografica che ci hai segnalato, le previsioni sembrano essere positive! E’ davvero il momento giusto per le piccole aziende italiane di creare un eCommerce.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Lascia qua la tua recensione.
Dicci cosa ne pensi dell’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *