Con l’arrivo dell’autunno si prospetta anche l’arrivo di nuove tendenze nel campo SEO/SEM. E’ questo quanto si legge in uno dei più accreditati blog della rete, Tagliablog che nel post “I trend SEO/SEM in arrivo” annuncia una vita non semplice per gli operatori SEO.
Ottimizzare una pagina web e posizionarla ai primi posti sui risultati di ricerca sembra sempre più complesso soprattutto se si considera che sono sempre di più i parametri di cui tener conto. Ultimo, ma non per ordine di rilevanza, è, secondo Tagliablog, il CRO (Conversion Rate Optimization) ovvero il parametro che rileva l’abilità di un SEO nel trasformare un visitatore del sito web in un cliente del brand.
A tal fine diventa sempre più importante conoscere a fondo gli strumenti della web analytics per monitorare l’andamento del traffico di un sito web e conoscere il comportamento dei propri utenti per eventualmente apportare miglioramenti al sito stesso anche per quanto concerne la sua usabilità e navigabilità.Ottimizzazione e posizionamento

Altro aspetto rilevante è senza dubbio l’affermazione del web semantico e la crescente importanza assunta dalle campagne sui social network anche ai fini del posizionamento di un sito sui principali motori di ricerca.
Per quanto concerne il primo aspetto, stando a quanto riportato sul post, esiste un altro indicatore da tenere in considerazione. Si tratta dell’RDFA, un parametro particolarmente interessante per i siti di e-commerce,  che viene definito come “una sintassi che aiuta a descrivere le relazioni che esistono tra determinati “oggetti”. L’implementazione di tale protocollo consentirebbe ad ogni sito di e-commerce di ottenere maggior visibilità  sui motori di ricerca, grazie all’utilizzo di un “linguaggio” di descrizione degli articoli standardizzato.
Oltreoceano numerose novità impazzano anche nell’ambito della “local search” . Se infatti l’ottimizzazione dei siti per il local serach era già una pratica diffusa anche grazie all’uso di Google Maps, oggi è possibile valutarne più precisamente anche il ROI, grazie alla possibilità di monitorare i contatti ricevuti telefonicamente. Stando a quanto riportato sul blog, in America, infatti, è già possibile comprare diversi numeri di telefono e associarli allo stesso centralino, potendo quindi misurare l’efficacia di una campagna di un certo tipo, assegnano il numero ad una campagna. “Ma si sta già arrivando oltre: è possibile far ciclare una serie di numeri su delle pagine, cambiandoli in tempo reale, quando arrivano le telefonate. Quindi quando un utente arriva con una certa parola da adwords, avrà associato un numero di telefono. Sarà quindi possibile vedere in analytics e adwords quali keyword hanno generato delle telefonate e incrociando i dati nel CRM, si potrà vedere quali keyword hanno generato maggiori guadagni dalle telefonate, scartando quindi quelle che non generano introiti“.

Fonte: I trend SEO/SEM in arrivo

0

Lascia il tuo commento

Lascia qua la tua recensione.
Dicci cosa ne pensi dell’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *