Come creare un title efficace per le pagine del tuo sito web

Navigando in rete questa mattina, ha colpito la nostra attenzione un post pubblicato su TagliaErbe dal titolo “Come deve essere il title?”. Da questo abbiamo così preso spunto per riflettere sull’importanza che questo elemento riveste all’interno di una pagina web. Spesso considerato superfluo, il title, nel raggruppamento di elementi che favoriscono una buona inidicizzazione è sicuramente molto importante e per questo merita particolare attenzione.

title_tag

Innanzittutto cerchiamo di definire il title. Il title tag, meglio conosciuto semplicemente come title, è il titolo di una pagina web, ovvero quello che compare nella barra in alto del browser.

Scopriamo adesso i suoi requisiti principali:

Brevità

Il title non  deve possodere un numero eccessivo di caratteri (40-60 caratteri). Esso può essere considerato un “contenuto in pillole”, una piccola perla di saggezza capace di identificare al meglio il contenuto della pagina di riferimento.

Corrispondenza con i contenuti della pagina

Il title deve essere pertinente ai contenuti della pagina in quanto solo così può essere utile agli utenti ma soprattutto garantire una buona ottimizzazione sui motori di ricerca. Il title tag è infatti il primo elemento che Google analizza in fase di posizionamento delle pagine di un sito web. In questa fase il motore di ricerca confronta le parole contenute all’interno del title con quelle contenute all’interno del testo della pagine e nei link. Il title inoltre, pur possedendo una particolare autonomia dalla pagina deve consentirne l’individuazione delle tematiche trattate. Non bisogna poi dimenticare che con la funzione Segnalibro le pagine vengono salvate con il loro title.

Linguaggio chiaro

Il title assolve essenzialmente ad una funzione descrittiva partanto deve essere chiaro. Esso non deve cercare di incuriosire l’utente come messaggio pubblicitario. Si consiglia di utilizzare poco gli articoli al fine di rendere il title più compatto. Preposizioni, articoli, congiunzioni, definite in gergo stop words, vengono infatti ignorate da Google anche se vengono considerate quando l’utente effettua una ricerca esatta. Esistono inoltre delle parole, definite poison words, che si sospetta  penalizzino molto il posizionamento di un sito  e pertanto non se ne consiglia l’uso. Eccone alcune: Bookmarks, Links, Resources, Directory, Search Engine, Forum, BBS, nella loro accezione singolare o plurale. Inoltre, UBB, BBS, Ebay, e tutte le variazioni dei nomi dei programmi paid-to-surf.

Keyword

La prima parola da utilizzare nel title dovrebbe essere la/le keyword su cui si vuole focalizzare l’attenzione che, per coerenza, dovrebbero essere riportate anche all’interno della pagina. La rilevanza attribuita alle keyword presenti nel titolo diminuisce man mano che vengono aggiunte pertanto si consiglia di inserire la keyword più rilevante in prima posizione.

Unicità

In linea con quanto detto sopra, è opportuno ricordare che il title deve essere diverso per ogni pagina web, altrimenti si corre il rischio che più pagine del sito vengano indicizzate per termini simili o che addirittura non vengano affatto indicizzate. Può apparire una banalità, ma spesso capita che, soprattutto nel caso in cui si facciano discendere delle pagine da un unico template, si lasci un title comune a tutte le pagine.

0

Lascia il tuo commento

Lascia qua la tua recensione.
Dicci cosa ne pensi dell’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *