Pagina Facebook aziendale: quanto costa avere visibilità sul social network?

Avere una pagina Facebook aziendale ha un costo? La risposta è no. Il punto è che la visibilità di questo strumento, se male utilizzato, rasenterà presto lo zero. E comporterà costi di gestione, pubblicità a pagamento e investimenti per far conoscere la tua attività.

Puoi aggirare l’ostacolo e far crescere la tua pagina attraverso una corretta strategia di comunicazione. Ma, attenzione. Comporterà comunque un dispendio di tempo. In questo articolo scopri come avere visibilità subito, grazie ad un sito web. E questo è davvero gratis.

 

Al giorno d’oggi, pensare di avere successo con qualsiasi tipo di attività senza portare il proprio lavoro sul web è pura utopia. Con lo sviluppo dei vari strumenti di comunicazione infatti, sono cambiate radicalmente le metodologie di marketing delle aziende che necessitano visibilità e di avere un contatto diretto e costante con le persone.

In particolare, la nascita di Internet e dei social network ha cambiato il comportamento d’acquisto del consumatore ed il modo di interfacciarsi con l’azienda.

Prendi ad esempio, Facebook.
Conosci qualcuno che al giorno d’oggi non abbia un profilo o una pagina sul social di Zuckerberg? Io credo proprio di no.

Se in un primo momento, infatti, si tendeva a diffidare sia di Internet che dei social, adesso invece, se ne apprezzano tutti i loro numerosi vantaggi.

La stessa cosa vale per le aziende.

Oggi non esiste impresa di successo che non abbia una pagina aziendale su Facebook.

La pagina Facebook di un’azienda infatti, è una vetrina e allo stesso tempo un potente canale di comunicazione, dove un piccolo passo falso potrebbe costare la reputazione alla tua impresa.

Ma andiamo con ordine.
Innanzitutto ti pongo alcune semplici domande.

Perché vuoi aprire una pagina Facebook aziendale?

Per prima cosa, domandati perché la tua azienda dovrebbe essere su Facebook. I tuoi potenziali clienti si trovano lì o lo fai perché ormai ci sono tutti?

Sembra una domanda stupida, ma non lo è.

Non tutti i social sono fatti però per tutte le aziende, ognuna deve scegliere la sua strada in base ai propri obiettivi e alle proprie esigenze.

Quali sono gli obiettivi che vuoi raggiungere?

Non puoi pensare di aprire una pagina Facebook aziendale senza avere la minima idea del perché lo fai.

Vuoi raggiungere clienti che non raggiungeresti tramite altri canali? Vuoi aumentare la tua brand awareness? Vuoi comunicare in modo diverso da come facevi prima?

Prova a darti una risposta.

I tuoi competitor sono presenti su Facebook?

A questa domanda le risposte possono essere soltanto due: sì o no. Nel primo caso, potrai documentarti e studiare come i tuoi competitor utilizzano Facebook, vedere che tipo di interazioni hanno con il proprio pubblico e prendere spunto dalle loro tattiche vincenti per poter costruire la tua.

Se i tuoi competitor invece non sono ancora su Facebook, allora hai la possibilità di essere il primo e unico presente e sfruttare questo vantaggio a tuo favore. Ma è uno scenario improbabile.

Ovviamente ci sono i pro e i contro in entrambi i casi: nel primo devi sicuramente faticare di più per emergere e distinguerti dagli altri; nel secondo caso invece, dovrai essere tu il primo ad inventare una strategia e riuscire ad applicarla nel miglior modo possibile.

Ma andiamo adesso al succo della questione.

Come gestire una pagina Facebook aziendale in pratica

Eccoti alcuni consigli utili per una corretta gestione della tua pagina aziendale.

  • Elabora un piano editoriale per i social

Il piano editoriale è un insieme di azioni strategiche che ti portano a realizzare gli obiettivi che ti sei posto in partenza. In altre parole, rappresenta i contenuti che andrai a postare sulla tua pagina Facebook aziendale.


Avrai già capito che, il primo passo da fare, è sicuramente capire cosa postare sulla pagina e perché.

Ad ogni modo, dovrai destreggiarti tra tre tipologie di contenuti principali:
– Immagini
– Video
– Link

Ricordati di bilanciare bene la pubblicazione di contenuti commerciali (circa il 30%) rispetto a quelli di tipo informativo e/o emozionali (70%).

  • Quando postare su Facebook

Dopo aver deciso il cosa, dovrai anche stabilire il quando.

Non puoi pubblicare a caso, rischiando di non intercettare gli utenti interessati al tuo prodotto, ma devi cercare di essere presente nel mondo in cui loro sono presenti.

  • Investi in un budget per le inserzioni

Facebook per le aziende è diventata, ormai, una piattaforma a pagamento, e penso che ormai tu te ne sia accorto. L’algoritmo di Facebook fa sì che solo il 10% delle persone che hanno effettivamente messo “mi piace” alla tua pagina, sia costantemente aggiornato sui contenuti.

Individua un budget da investire sulle tue campagne e applicalo secondo l’obiettivo che ti sei posto.

  • Rispondi ai commenti

Non sottovalutare mai le interazioni che gli utenti hanno con i tuoi contenuti e quindi con la tua azienda. Scrivere un commento, piuttosto che mettere un “like” è un’azione che l’utente fa e su cui investe del tempo, seppur breve. Valorizzalo.

Cerca di fare in modo che l’utente si senta corrisposto, se lascia un commento, inevitabilmente si aspetta una risposta o una reazione, quindi non farlo aspettare.

Quanto costa la gestione di una pagina Facebook aziendale?

So che vorresti una risposta chiara e immediata a questa domanda, ma purtroppo dovrai accontentarti di un “dipende”.

Infatti, nonostante la creazione di una pagina aziendale non costi nulla, la gestione di quest’ultima è molto più complessa. Se la tua pagina è gestita da qualcuno che non ha delle competenze ben specifiche, stai sicuro che ben presto la tua visibilità online rasenterà lo zero. È sempre meglio quindi, lasciar fare ad un esperto del settore.

Dunque, se vuoi fare affidamento a dei professionisti, più o meno i costi di gestione si aggirano tra i 200 e i 600 euro al mese. Un bel gap vero?

Da cosa dipende la variazione di costo?

Gli elementi che comportano la variazione del prezzo nella gestione di una pagina aziendale Facebook da parte di un professionista esterno sono i seguenti:

– numero di post
– creazione di un piano editoriale
– durata della collaborazione
– creazione dei contenuti da postare
– analisi e monitoraggio delle performance
– creazione e monitoraggio di campagne pubblicitarie

In base al servizio che richiedi e alla persona a cui ti affidi, il prezzo varia.

Se vuoi tenere la gestione della pagina Facebook aziendale all’interno del tuo business, allora dovrai solo valutare i costi di formazione per una persona che dedicherà il suo tempo a questo e il budget da investire in eventuali sponsorizzazioni. E, detto tra noi, è la strada che ti suggerisco.

Far gestire una pagina Facebook è un costo o un investimento?

Pagare un professionista che gestisca la tua pagina Facebook significa affidare ad una persona esterna alla tua azienda la tua comunicazione. Commissionargli un post a settimana e la gestione delle poche reaction che quel post riceverà è sicuramente una spesa che difficilmente ti tornerà.

Il minimo per avere dei risultati è incaricare un professionista che pubblichi almeno un post al giorno, che gestisca commenti, like e reazioni dei fan, ma che soprattutto sposi la tua vision e la tua mission aziendale.

Ecco perché ritengo che l’optimum sia formare alla gestione della pagina una risorsa interna. Il suo obiettivo sarà stringere relazioni con i fan e creare contenuti interessanti e utili per loro.

Altrimenti meglio commissionare solo le campagne sponsorizzate.

È sufficiente avere una pagina Facebook curata per avere visibilità online?

La risposta ovviamente è no.  Se vuoi che la tua azienda abbia davvero successo in rete, devi associare ai social network anche un altro elemento molto importante: il sito web.

Il sito web, infatti, funge da vera e propria “vetrina” per la tua azienda. Tutte le informazioni che servono ai tuoi clienti devono essere messe in mostra e chiaramente visibili.

E tu? Non hai ancora un sito web? Cosa aspetti a crearlo gratuitamente?

Oneminutesite è la piattaforma che ti consente di creare il tuo sito in maniera facile, veloce e soprattutto gratuita, pur non avendo alcuna competenza tecnica!

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Rispondi